Home » Events » Nick Disaster “Flowtronic” solo exhibit

Nick Disaster “Flowtronic” solo exhibit

Nick Disaster “Flowtronic” solo exhibit

Quando

7 Giugno 2024 - 13 Giugno 2024    
All Day

Dove

Tipologia evento

Dal 7 al 13 Giugno 2024 Medina Art Gallery presenta la Mostra Personale di Nick Disaster “FlowTronic”.

Testo critico e presentazione a cura di Martina Raffa
presso la galleria di Via Angelo Poliziano 4-6 a Roma

Opening event: Venerdì 7 Giugno 2024 alle ore 18

Nick Disasster: dallo street lab all’innovazione del linguaggio contemporaneo

Nick Disaster, classe 1979, poliedrico e dinamico artista romano, inizia il suo percorso nei primi anni ’90 come graffiti writer. Trasformando la passione adolescenziale, quella per il segno sui muri, in un vero e proprio laboratorio formativo di strada, approda allo studio della grafica, dove si esprime in stretta connessione con l’estetica dei graffiti e della street art, rivelando uno stile unico e inconfondibile.

La ricerca espressiva, sempre tesa a sviluppare nuove forme di contaminazione tra graffiti, grafica e street art, portano a significative metamorfosi espressive, culminando, nel periodo 2020-2022, in “FlowTronic”.

“FlowTronic” è una sintesi audace di esperienze e influenze. È un linguaggio visivo strettamente legato all’identità dei graffiti, che dal lettering contamina gli oggetti della vita quotidiana, decostruendo e riassemblando per restituire fluidità alle forme, con accostamenti cromatici e compositivi armonici, mai banali. La tradizione delle nature morte si esprime così attraverso il prisma del background street e grafico, con opere dal dinamismo intrinseco, un movimento che cattura lo sguardo e lo conduce attraverso percorsi visivi sorprendenti e avvincenti.

Nick Disaster, con “FlowTronic”, rende omaggio alle proprie radici nel graffiti writing e alla formazione grafica, ma innova il linguaggio visivo contemporaneo, offrendo una nuova prospettiva sull’arte urbana e sulla sua evoluzione. Le sue opere rappresentano una celebrazione della creatività e della sperimentazione, testimoniando l’infinito potenziale di fusione tra tecniche e stili diversi.

Lascia un commento

Pin It on Pinterest

Share This